Skip to content

Rassegna stampa 10 ottobre 2020

STAGIONE 1 - EPISODIO 4

Insieme ai giornali anche noi torniamo a parlare di Covid-19: i contagi sono aumentati e il governo italiano ha obbligato tutti a indossare sempre la mascherina. Intanto in un paese che nessuno conosce, l’Azerbaijan, si combatte e gli scontri mettono a dura prova la popolazione che ci abita. Ma questa è anche la settimana dei Premi Nobel e della clamorosa vendita dello scheletro di Stan, il T-Rex meglio conservato del mondo, comprato per la cifra record di 31 milioni di dollari!

  1. Il virus ancora tra noi - Aumentano i contagi e il governo italiano decide le nuove regole, a cominciare dalla prima: bisogna indossare la mascherina sempre, anche all’aperto.

    All’aperto o con estranei. Quando è obbligatorio indossare la mascherina. Corriere della sera, 8/10/2020

  2. La guerra che nessuno sa - Da trent’anni Azerbaijan e Armenia si contendono la regione Nagorno Karabakh. In questi giorni sono ripresi gli scontri cui partecipano anche Turchia e Russia. A rimetterci, come sempre, sono le persone normali.

    Civili nelle cantine, imboscate e bombe. È guerra aperta tra armeni e azeri, La Stampa, 9/10/2020

    Metà della popolazione del Nagorno-Karabakh sfollata per la guerra, L’Osservatore Romano, 9/10/2020

  3. Nomi da Nobel - Questa settimana sono stati assegnati i Nobel, prestigiose onorificenze che vengono attribuite ogni anno a chi si è contraddistinto in varie materie: fisica, chimica, medicina, letteratura…

    Il Programma alimentare mondiale ha vinto il Nobel per la pace, Il Post 9/10/2020

  4. Un dinosauro in vendita - Il più grande scheletro esistente di tirannosauro è stato venduto all’asta a New York per 31 milioni e 800mila dollari. Il T-Rex è vissuto 67 milioni di anni fa ed è stato ribattezzato Stan, dal nome di chi lo scoprì.

    Da 6 a 8 milioni di dollari. All’asta a New York lo scheletro di un T-Rex, Il Giornale 6/10/2020

  5. Giù le mani dai graffiti! - Qualche anno fa il proprietario di un palazzo a New York ha imbiancato la facciata ricoprendo scritte e disegni realizzati da alcuni artisti di strada. Dopo un lungo processo è stato multato: secondo il giudice quei graffiti erano «opere d’arte».

    Developers to pay graffiti artists $7m after painting over their work, The Times 8/10/2020

Ascolta su Apple Podcasts

Ascolta su Spotify

Foto di Volkan Yuksel